Cos’è la cappa

La cappa da cucina è un elettrodomestico che elimina gli odori e i fumi sprigionati dalla cottura dei cibi.

Questa sua caratteristica contribuisce a garantire un ambiente salubre e libero da sostanze nocive, aumentando il benessere e migliorando sensibilmente la qualità della vita in cucina.

Galvamet offre prodotti adatti a tutti i tipi di cucine realizzati con tecnologie all’avanguardia, prestazioni di aspirazione ai massimi livelli e con particolare riguardo al design e all’estetica.

 

Come scegliere la cappa più adatta

 Nella scelta della cappa si deve tenere conto principalmente delle seguenti peculiarità:

Tipo di installazione

Prima di tutto è indispensabile scegliere una cappa progettata per il tipo di installazione di cui si necessita. Le tipologie di installazione sono essenzialmente quattro a seconda di dove viene fissata la cappa:

  1. a parete, quando il piano cottura si trova a ridosso di una parete lineare
  2. a isola, quando il piano cottura non ha pareti circostanti
  3. ad angolo, quando il piano di cottura si trova in un angolo della cucina posizionato diagonalmente
  4. ad incasso, quando la cappa viene fissata all’interno di un pensile posizionato sopra al piano cottura

 Potenza di aspirazione

La seconda valutazione da fare riguarda le dimensioni dell’ambiente in cui andrà installata la cappa e la frequenza di utilizzo. La potenza di aspirazione è espressa in m3/h che rappresentano il volume d’aria che la cappa riesce ad aspirare in un’ora. Per cucine di piccole dimensioni sono sufficienti cappe con prestazioni fino a 400 m3/h, mentre per cucine di medie o grandi dimensioni sono consigliabili cappe con prestazioni a partire da 500 m3/h.

Dimensioni

Nella valutazione bisogna tenere conto anche delle dimensioni della cappa, evitando di scegliere modelli troppo piccoli rispetto alla dimensione del piano cottura sottostante.

Design

La cappa è indubbiamente un elemento di design all’interno della cucina e contribuisce ad esaltare il valore e la bellezza dell’ambiente nel quale viene installata. è pertanto fondamentale scegliere l’estetica della cappa per un risultato finale che soddisfi le proprie aspettative. Tutti i prodotti Galvamet rappresentano la sintesi più pura del migliore ed avveniristico design per l’aspirazione domestica unito a concetti costruttivi e tecnologici ad oggi inesplorati.

 

Installazione

Per il corretto funzionamento della cappa è indispensabile eseguire un’adeguata installazione ed è quindi importante affidarsi ad un centro specializzato che sia in grado di effettuare l’operazione nel miglior modo possibile.

Tutte le informazioni per un corretto montaggio si trovano nel libretto istruzioni che si trova all’interno di tutti i nostri imballi.

Tutte le cappe Galvamet, salvo poche eccezioni, sono predisposte per funzionare sia in versione filtrante, sia in versione aspirante.

Nella versione aspirante l’aria aspirata dalla cappa viene espulsa all’esterno. In questo caso è consigliabile collegare la cappa al foro di scarico sulla parete o sul soffitto con un tubo liscio all’interno e che segua un percorso il più possibile rettilineo. Percorsi tortuosi o molto lunghi potrebbero infatti causare un calo di prestazioni dell’elettrodomestico ed un aumento della rumorosità. In questa versione non serve installare nella cappa i filtri a carbone attivo.

Nella versione filtrante i fumi non vengono espulsi all’esterno, ma rimessi nell’ambiente dopo che sono stati eliminati gli odori dai filtri a carbone attivo. In questo caso non è richiesta nessuna tubazione.

Per garantire maggiori prestazioni e minore rumorosità si consiglia di installare la cappa in versione aspirante.

Le norme di sicurezza vigenti prevedono inoltre il rispetto della distanza di installazione dai supporti dei recipienti sul piano di cottura. Per evitare danni al prodotto e per salvaguardare l’incolumità delle persone si raccomanda di rispettare sempre la distanza indicata nel libretto di istruzioni del prodotto.

 

Manutenzione

Prima di qualsiasi operazione di manutenzione è indispensabile staccare la spina dalla presa o comunque scollegare il prodotto dalla rete elettrica.

La cappa deve essere pulita immediatamente dopo l’installazione e l’asportazione della pellicola protettiva al fine di eliminare qualsiasi residuo di collante, impronte o altre impurità di qualsiasi genere.

La cappa deve essere pulita frequentemente e con cura sia esternamente, sia internamente.

Non lasciare mai accumulare sporcizia sulle superfici interne od esterne della cappa.

Per la pulizia della scocca esterna non usare assolutamente prodotti acidi o basici o spugne abrasive. Pulire la cappa con una spugna inumidita con acqua calda ed una modesta quantità di sapone neutro (es. sapone per stoviglie) al fine di eliminare eventuali tracce di grasso depositate sulla stessa. Risciacquare quindi con un panno umido asportando con cura il sapone, facendo attenzione di seguire la direzione della satinatura della superficie in acciaio. L’asciugatura risulta molto importante soprattutto nelle zone in cui l’acqua ha un’elevata durezza e può quindi lasciare depositi di calcare.

Una particolare cura va rivolta ai filtri metallici antigrasso, che hanno la funzione di trattenere le particelle di grasso contenute nei vapori di cottura. Questi filtri devono essere lavati almeno una volta al mese in acqua calda e detersivo (anche in lavastoviglie). I filtri possono scolorirsi dopo alcuni lavaggi. Questo è normale e non significa che devono essere sostituiti.

ATTENZIONE!

Il grasso trattenuto dai filtri metallici è facilmente infiammabile. È pertanto necessario provvedere regolarmente alla pulizia degli stessi come da istruzioni.

I filtri a carbone attivo, che hanno la funzione di trattenere le particelle odorose dei fumi di cottura, non vanno lavati ma sostituiti ogni 2-3 mesi in conformità all’utilizzo della cappa.

 

Classificazione Energetica

Con il regolamento 65/2014 della Commissione del Parlamento Europeo è stata introdotta la nuova etichettatura energetica che deve essere applicata a tutte le cappe da cucina prodotte nei 28 Stati Membri a partire dal 1° gennaio 2015.

L’etichetta, uguale per tutti i costruttori e gli Stati Membri, deve riportare i seguenti dati:

Frecce colorate: per differenziare i prodotti ad alta efficienza da prodotti a bassa efficienza:  verde scuro per indicare un prodotto altamente efficiente e rosso per indicare un prodotto ad efficienza inferiore

consumo energetico annuale espresso in kWh (4): consumo annuo di energia stimato per utilizzo standard

classe di efficienza fluidodinamica (5): indica l’efficienza con cui la cappa è in grado di aspirare i vapori generati dalla cottura (A massima – G minima efficienza)

classe di efficienza luminosa (6): indica l’efficienza con cui la cappa illumina il piano cottura (basata sul rapporto tra l’illuminazione media e la potenza elettrica nominale del sistema di illuminazione) (A massima – G minima efficienza)

classe di efficienza del filtraggio dei grassi (7): indica l’efficienza con cui la cappa filtra i grassi generati dalla cottura (A massima – G minima efficienza)

livello di rumorosità (8): indica il massimo livello di rumore generato dalla cappa nell’utilizzo normale